Viaggio di Sua Santità Francesco in Iraq

05.03.2021

Sua Santità Francesco, oggi, fa un audace ritorno sulla scena mondiale nel bel mezzo della pandemia. Con il suo primo viaggio apostolico, dopo l'interruzione per la COVID-19, è  diventato il primo pontefice della Chiesa cattolica romana a visitare l'Iraq, con l'intento di aiutare a guarire una nazione unicamente ferita dal violento settarismo, dall'avventurismo straniero e dalla persecuzione delle popolazioni minoritarie, compreso il martoriato popolo cristiano.

"Sono felice di viaggiare di nuovo", ha detto Francesco, che è stato vaccinato contro il coronavirus, dopo essersi tolto la maschera chirurgica blu per rivolgersi ai giornalisti sull'aereo papale. L'84enne pontefice, che soffre di sciatica, zoppicava vistosamente mentre scendeva dall'aereo e superava una fila di giovani che cantavano in lingue tra cui l'aramaico, la lingua di Gesù Cristo.

Scegliendo l'Iraq e le sue terre devastate - e ora minacciate dalla guerra - come sua prima destinazione, il Pontefice si è immerso direttamente nelle questioni della guerra e della pace, della povertà e della lotta religiosa in una terra antica e biblica. Il suo viaggio è esplicitamente progettato per approfondire i legami con i musulmani sciiti e incoraggiare una popolazione cristiana decimata. Il Papa ha anche inviato il messaggio che, dopo un anno di limitazioni a Roma e di dissolvenza dalla coscienza pubblica, voleva elevare il suo ruolo e passare il suo tempo con coloro che hanno sofferto di più.

"Questo viaggio è emblematico", ha detto sull'aereo. "È un dovere verso una terra martirizzata per molti anni".

Dopo decenni di dittatura e più di un decennio di sanzioni, l'invasione guidata dagli Stati Uniti che ha rovesciato Saddam Hussein ha provocato un vuoto di sicurezza e l'ascesa di Al Qaeda in Iraq. Il paese è sceso nella guerra civile. Un decennio dopo, lo Stato Islamico ha preso il controllo di un terzo del Paese. L'Iraq sta ancora lottando per riprendersi.

A Baghdad, il Papa ha viaggiato attraverso strade vuote e chiuse, in una bolla di precauzioni di sicurezza straordinarie. Elicotteri militari si libravano sopra la testa. Soldati pesantemente armati fiancheggiavano viali decorati con bandiere del Vaticano e cartelli "La Mesopotamia ti saluta". I militari lo hanno tenuto d'occhio dai tetti ogni volta che si è fermato. 

La visita del Papa ha coinciso con un recente ritorno di attentati suicidi, un aumento degli attacchi missilistici e rinnovate tensioni geopolitiche. 

Molto hanno fatto discutere le misure di sicurezza igenico sanitaria che sono mancate sia da parte dello Stato che dall'organizzazione del viaggio. Durante la Santa Messa allo stadio e durante gli incontri, pochissime persone mantenevano la distanza di sicurezza e molti erano sprovvisti di mascherina. Difatti, molte persone, sono preoccupate che la vorticosa visita di quattro giorni esacerberà un recente picco di casi di coronavirus nel Paese. 

Il Pontefice, nonostante questo, ha dichiarato sul volo per Roma che ha pregato molto per comprendere se era opportuno ed è giunto alla conclusione che "Dio ci avrebbe protetto". Anche i suoi consiglieri e gli alti prelati iracheni hanno insistito sul fatto che sarebbero state seguite misure di allontanamento sociale e hanno sostenuto che il viaggio era necessario per mostrare la vicinanza di Francesco a un gregge che ha sofferto terribilmente. I predecessori di Francesco sognavano di visitarlo, ma quelle aspirazioni sono state deluse da tensioni e conflitti. 

Per evidenziare e toccare le ferite della sua chiesa, Francesco è andato venerdì pomeriggio a Nostra Signora della Salvezza, una chiesa cattolica siro cattolica dove i militanti islamici hanno messo in scena un attacco straziante nel 2010, massacrando 58 persone in quella che è stata la peggiore atrocità contro i cristiani iracheni dall'invasione del Paese guidata dagli Stati Uniti nel 2003.

"Quattro persone dell'ISIS sono entrate qui, una da quella parte, un'altra da questa parte", ha detto Qais Michael Bernard, 58 anni, che ha fatto da usciere alla chiesa venerdì. Dopo che così tanti cristiani avevano lasciato Baghdad e il Paese da allora, ha accolto con favore la presenza del Papa. "È un bene, ha detto. Fa sì che la gente resti qui".

La luce entrava attraverso le vetrate colorate, cadendo sui sacerdoti con la mascherina, le suore e i seminaristi, distanziati tre per banco. Quando il Papa è entrato, facendosi il segno della croce, la chiesa è esplosa in ululazioni e musica tradizionale. "Il Papa è venuto, il Papa è venuto!", hanno cantato alcuni di loro.