Il rapporto Sauvé è un'offesa alle vere vittime

11.12.2021

Annullato l'incontro del Pontefice con la commissione. Le parole di Francesco sull'aereo devono far riflettere. Il rapporto sembra più un attacco ideologico che una vera analisi del problema.

Appena è stato pubblicato il rapporto Sauvè avevamo sollevato alcune perplessità. La stampa ha dato molto risalto a questi dati, pubblicati in anteprima, dalla commissione indipendente. Storie di dolore che purtroppo non sono state affrontate con la dovuta attenzione da parte della Chiesa. Allo stesso tempo è necessario però effettuare un'opera di verità per poter arrivare a comprendere la natura del problema e affrontarlo con i mezzi giusti. 

Le domande che avevamo posto erano: la commissione si dice indipendente, da chi? quali scopi persegue? su quali dati ha effettuato questo studio? quale metodo è stato seguito? Era subito balzata agli occhi l'assenza di un paragrafo dedicato agli anni in cui si è intrapreso un cammino, anche legislativo, all'interno della Chiesa per porre fine a questa piaga terribile. Pertanto, è lecito chiedersi sulla base di quali analisi si è ritenuto di stimare 216 mila casi di pedofilia? Una risposta, anche molto autorevole, arriva, oseremmo dire finalmente, da un gruppo di studiosi francesi i quali ci sembrano molto indipendenti. Certamente, ci sembrano molto più indipendenti di ex consiglieri di Stato della Repubblica Francese, realtà che ha diverse ostilità nei confronti, non solo della Chiesa Cattolica ma della religione in generale. 

Otto eminenti membri dell'Accademia cattolica francese hanno inviato a Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Celestino Migliore e ai membri della Conferenza Episcopale Francese un'analisi critica del rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (ICSAE). Questo testo, il quale doveva restare riservato, è stato pubblicato dai giornali francesi La Croix e Le Monde. In questo articolo pubblichiamo una traduzione del documento ( 15 pagine) al fine di permettere a tutti di valutare con occhio critico quanto hanno scritto in questo famoso rapporto. 


Le parole del Pontefice sul rapporto

"Quando si fanno questi studi, dobbiamo essere attenti nelle interpretazioni, che si facciano per settori di tempo. Quando si fa su un tempo così lungo, c'è il rischio di confondere il modo di sentire il problema di un'epoca, 70 anni prima dell'altra. Vorrei soltanto dire questo, come principio. Una situazione storica va interpretata con l'ermeneutica dell'epoca, non con la nostra. Per esempio, la schiavitù: noi diciamo "è una brutalità". Gli abusi di 100 anni fa o di 70 anni fa, diciamo "è una brutalità". Ma il modo come lo vivevano loro non è lo stesso di oggi: c'era un'altra ermeneutica. Per esempio, nel caso degli abusi nella Chiesa, il coprire, che è il modo che si usa - purtroppo - nelle famiglie, anche oggi, nella grande quantità delle famiglie, nei quartieri, cercare di coprire, noi diciamo "no, non va questo, dobbiamo scoprire". Ma sempre interpretare un'epoca con l'ermeneutica dell'epoca e non con la nostra. Questa è la prima cosa. Per esempio, lo studio di Indianapolis, famoso: quello è caduto per mancanza di una retta interpretazione. Erano cose vere, alcune, altre no; si mischiavano le epoche. A questo punto, settorializzare aiuta.

Sull'informe [il rapporto]: non l'ho letto, né ho ascoltato i commenti dei Vescovi francesi. No, non so come rispondere, davvero. Verranno, adesso, i Vescovi francesi, in questo mese, e io domanderò loro che mi spieghino la cosa."

Il Sommo Pontefice ha giustamente evitato di parlare del rapporto visto che non ne ha ancora parlato con i vescovi francesi e non ha avuto modo di studiarlo approfonditamente. La chiosa che ha fatto sul volo apostolico però è chiaramente un monito per tutti coloro che fanno questi "rapporti" o "analisi" sul tema della pedofilia nella Chiesa. Ricordiamo che il Cardinale Barbarin è stato ingiustamente messo alla gogna su tutti i media francesi e italiani, per non parlare del Cardinale Pell che ha subito una reclusione ingiusta pur essendo innocente. Forse è il momento di iniziare ad affronta la piaga della pedofilia nella Chiesa facendo un'opera di verità. Questo cammino non può e non deve ricercare l'agnello da sgozzare ma deve comprendere che il problema ha radici profonde all'interno dei luoghi di formazione e nelle piaghe della vita umana dei singoli candidati al presbiterato. Sarebbe poi il momento di iniziare a guardare al disturbo pedofilico per ciò che è, ovvero una malattia. Per questo motivo anche la società deve necessariamente iniziare a proporre dei rimedi che possano far guarire questi soggetti e mettere in salvo le vittime. La soluzione non è e non sarà mai la detenzione. La Chiesa, più di tutti, deve perciò avere la forza di porre l'attenzione su questo tema che ha creato e crea molto dolore, con l'obiettivo cardine del diritto canonico: la salus animarum. Solo intervenendo sulla formazione prima e facendo quest'opera di verità quando il problema si pone, si potrà realmente salvare la vittima dal carnefice e recuperare il carnefice. 

Fatta questa riflessione, vi lasciamo alla lettura dell'analisi sul rapporto Sauvé.


F.B.

Silere non possum




ANALISI DEL RAPPORTO SAUVE'


Il rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa (ICSAE), incaricata dalla Conferenza episcopale francese di fare luce sulla pedofilia nella Chiesa cattolica, è stato reso pubblico il 5 ottobre 2021. L'esposizione dell'estensione e della gravità degli abusi sessuali nella Chiesa danneggia il credito della Chiesa. Questi atti sono particolarmente odiosi. Ingannano la fiducia dei bambini e li feriscono in quella parte del loro essere di cui sono ancora praticamente inconsapevoli. Commessi da sacerdoti, religiosi o laici che si fanno beffe dell'insegnamento più costante della Chiesa, il rispetto per l'innocenza del bambino, la preoccupazione per la modestia e l'ideale di castità che essa mantiene contro ogni aspettativa. La decisione della Conferenza episcopale francese di chiedere a una commissione indipendente un rapporto il più completo possibile su questi abusi - un rapporto sui fatti, sulle cause e sui rimedi - è stata quindi giudiziosa.

Tuttavia, il rapporto dell'ICASE, nonostante il suo volume, soddisfa solo parzialmente queste specifiche, dalle quali si discosta anche in modo inquietante.

Bisogna prima fare un'osservazione sulle condizioni della sua pubblicazione. Se è stato dato al presidente della Conferenza episcopale e al presidente della Conferenza dei religiosi di Francia, è stato indirizzato al pubblico con una data annunciata con largo anticipo, e la pubblicazione di una cifra: 330.000 vittime. Era il primo mandato della Commissione per documentare l'estensione e la gravità degli abusi, ma l'annuncio incauto di una tale cifra, che l'opinione pubblica prese naturalmente come la somma dei fatti accertati, dispensò i commentatori dalla lettura di un documento considerevole.

Questa cifra è l'unica cosa che la maggior parte dei cattolici conserverà del rapporto. È quindi essenziale segnalare i limiti, i difetti e infine le conseguenze dell'approccio che ha portato all'avanzamento di una tale figura.

L'Académie catholique de France è un organo di analisi e di riflessione. Il suo scopo non è quello di essere polemico. Al contrario, si tratta di sottoporre il rapporto ICASE ad un esame attento come solo un'accademia può fare, senza passione, con tutto il rigore necessario. Un'analisi giuridica, sociologica, teologica e filosofica di questo rapporto è necessaria per verificare la sua pertinenza da tutti i punti di vista. Un gruppo multidisciplinare di membri dell'Académie catholique de France ha intrapreso questo compito e fornisce qui i primi elementi del suo studio, che sarà continuato nei prossimi mesi (1).


La dimensione fattuale e statistica

La prima questione sollevata da una lettura completa del rapporto della Commissione è la valutazione precisa del numero di vittime.

Metodi e cifre contraddittori.

C'è un abisso tra il numero di testimonianze ricevute dall'ICASE (2738) (2), il numero di vittime identificate dallo studio EPHE (École Pratique des Hautes Études) commissionato dall'ICASE (4832), l'estrapolazione di questo stesso team di ricercatori, che raggiunge una cifra massima di 27.808 (3) sulla base dei dati raccolti da questo studio (4), e le stime fatte sulla base di un sondaggio condotto dall'IFOP (Institut français d'Opinion publique), che ha permesso a questo istituto di sondaggi di estrapolare a livello della popolazione adulta francese per arrivare a diverse centinaia di migliaia di vittime, con una cifra di 216.000 vittime di chierici, cifra che sale a 330.000 vittime se si includono le vittime di laici.

Non c'è dubbio che le cifre degli archivi e delle testimonianze permettono solo un approccio incompleto alla realtà, dato il tempo trascorso, che rende difficile misurare il flagello negli anni '50 e '60, da un lato, e la cappa di silenzio che lo ha avvolto fino a poco tempo fa, dall'altro. Tuttavia, si ha il diritto di mettere in dubbio la metodologia dell'indagine quantitativa che ha portato alla cifra di 330.000 vittime, l'unica cifra utilizzata dai media.

La valutazione quantitativa si basa su un sondaggio d'opinione IFOP molto ampio, che ha interrogato 28.010 persone. Questi erano adulti, selezionati per quote. Il sondaggio è stato condotto in modo anonimo tramite Internet. L'uso del sondaggio su internet ha dei vantaggi pratici per le organizzazioni di sondaggio: il costo di realizzazione del sondaggio è basso, il profilo degli intervistati può essere controllato e le quote possono essere gestite online, e l'intervistato può rispondere in qualsiasi momento.

Ma gli svantaggi sono innegabili: il pool di intervistati ha utilizzato è un pannello di volontari disponibili per sondaggi di ogni tipo, il che li rende abituati a questo tipo di esercizio. La distorsione generazionale e culturale è marcata perché l'indagine viene effettuata tra gli utenti di Internet che hanno familiarità con i social network e i possessori di indirizzi e-mail, il che esclude le popolazioni più anziane e precarie e favorisce coloro che non sono inclini alle culture tradizionali e sono abili con le nuove tecnologie. Questa distorsione è tanto più cruciale in quanto l'auto-assunzione degli intervistati si basa sulla sincerità delle loro risposte sul loro profilo, in quanto non viene effettuata alcuna verifica per garantirla (5).

La dimostrazione a contrario del carattere discutibile della valutazione del numero di vittime da parte dell'équipe dell'INSERM (Istituto Nazionale per la Salute e la Ricerca Medica) è inoltre fatta nel rapporto della Commissione per la valutazione del numero di abusatori, in particolare all'interno del clero. Mentre il lavoro sulle vittime è stato realizzato da un'équipe dell'INSERM (con un solo statistico) sulla base di un'indagine dell'IFOP, il lavoro sui predatori è stato affidato alla già citata équipe dell'EPHE, che ha effettuato una valutazione qualitativa, incrociando archivi ecclesiastici e civili e studi effettuati in altri paesi, per arrivare a una stima massima di 3.200 chierici. Una tale cifra, correlata ad una percentuale massima di 7,5 abusati per abusante secondo le stime di un lavoro comparativo sull'argomento, conservato dallo psichiatra della Commissione, avrebbe portato ad una cifra di 24.000 vittime. Il rapporto EPHE è stato quindi semplicemente scartato, così come la percentuale di 7,5 vittime per abusatore proposta dallo psichiatra è stata scartata a favore della percentuale di 63 vittime per abusatore. Questa cifra implausibile era basata su un'estrapolazione delle chiamate di testimoni. È difficile credere che possa essere rimasto sconosciuto o che non sia stato seguito da denunce. La Commissione propone infine la cifra di 8.000 abusatori, ma anche partendo dalle 330.000 vittime che ha scelto, avrebbe dovuto arrivare a una cifra di 5.238 abusatori dividendola per 63. Lo stesso tipo di incertezza riguarda la periodizzazione dei dati: lo studio è realizzato per periodi di 20 anni (anni '50 e '60, anni '70 e '80) e poi per periodi di 30 anni (anni '90, 2000 e 2010), mentre sarebbe stato utile sapere qual è stato l'effetto delle misure adottate negli ultimi venti anni per eliminare questo reato. Allo stesso modo, le cifre del sondaggio IFOP-INSERM e l'appello ai testimoni sono così basse che non permettono uno studio statistico.

Ci si può chiedere perché la Commissione abbia scelto una cifra piuttosto che un'altra, quando quella dell'EPHE era già un'estrapolazione.

Una lettura attenta del rapporto della Commissione e delle sue scelte metodologiche mostra in definitiva che il rigore scientifico non ha governato il suo lavoro. Ciò è tanto più deplorevole in quanto i fatti denunciati sono estremamente gravi e macchiano definitivamente l'onore delle istituzioni cattoliche.

Ma anche se l'importanza delle cifre è meno importante del fatto che crimini di questa natura possano essere avvenuti nella Chiesa, è essenziale che tutta la verità, comprese le cifre, sia resa nota su questo scandalo. La valutazione sproporzionata di questo flagello alimenta il discorso sul suo carattere "sistemico" e fornisce la base per le proposte di abbattere la Chiesa come istituzione.


Una presentazione orientata

La funzione, o almeno l'effetto, di una tale figura è di chiudere la discussione. Chi si trova improvvisamente sopraffatto dal peso di una tale cifra non ha più nulla da dire: nulla da dire in propria difesa, ma soprattutto nulla da dire sulle misure che potrebbero rimediare alle gravi carenze osservate: non gli resta che piegarsi alle "raccomandazioni" di chi ha prodotto e maneggia questa cifra. Deve solo riconoscere la natura "sistemica" degli abusi. La scelta di questo aggettivo ha conseguenze fatali: i membri della Chiesa sono impotenti a porvi rimedio da soli. Se gli abusi sono sistemici, i rimedi non possono essere trovati nella Chiesa, nella ritrovata o rinnovata obbedienza ai suoi stessi principi, in una o più riforme dall'interno, ma in una o più riforme condotte dall'esterno e secondo principi che non possono essere quelli della Chiesa, poiché questa è intrappolata in una pedofilia "sistemica".

La Chiesa aveva chiesto un rapporto che l'aiutasse a identificare più precisamente la realtà degli abusi, e su questo punto il rapporto fornisce una documentazione tanto abbondante quanto straziante. Ma lo spirito che presiede all'analisi delle cause e alla formulazione delle raccomandazioni sembra a priori ideologico.

Se si deve prendere in considerazione la parte documentaria e puramente fattuale del lavoro dell'ICASE, è difficile per qualsiasi persona di buona fede trarne degli insegnamenti utili, tanto che la sua proclamata imparzialità nasconde male una mancanza di comprensione, mista a ostilità, di questa società spirituale che è la Chiesa. È certamente ammissibile ignorare i principi che lo governano, o essere indifferenti o ostili ad essi, ma non si pretende poi di "raccomandare" delle riforme ad esso.


La dimensione teologica e filosofica

Il testo dell'ICASE non è solo uno studio analitico di un fenomeno, poiché contiene anche "raccomandazioni" o "consigli" (7), che richiedono alla Chiesa cattolica cambiamenti pastorali e dottrinali. La tempestività di queste richieste presuppone la piena credibilità del documento e quindi un'analisi approfondita dei dati e la loro interpretazione. Un gruppo di lavoro (8), co-presieduto da Alain Cordier, ispettore generale delle finanze (ed ex presidente della Bayard Presse) e Joël Molinario, professore di teologia delle pratiche all'Institut de pastorale catéchétique dell'Institut catholique de Paris, ha esaminato "Questioni di teologia, ecclesiologia e governo della Chiesa Cattolica" (9). Tra le raccomandazioni, ne abbiamo notato sette di natura dottrinale (di cui solo tre sono state riprese, in modo generale, dalla Conferenza Episcopale): R3, R4, R7, R10, R11, R34 e R43. Riguardano l'ecclesiologia, l'esegesi (e la catechesi) e la teologia morale.


Ecclesiologia

In quattro occasioni, la Commissione chiede un "vaglio", cioè una "spietata selezione e critica" (10) delle modalità di esercizio del ministero sacerdotale ed episcopale, delle affermazioni del Catechismo della Chiesa Cattolica, della morale cattolica in materia sessuale e della costituzione gerarchica della Chiesa Cattolica.

Il paragrafo 877 afferma che "La Commissione non ha intenzione di mettere in discussione i fondamenti del sacramento dell'Ordine o la dottrina cattolica dell'Eucaristia. Tuttavia, chiedendo un esame del "discorso che sostiene" le modalità di esercizio del ministero sacerdotale ed episcopale, invita a mettere in discussione tale esercizio.

Per esempio, anche se "la Commissione [non è] incaricata di determinare la teologia da adottare da parte della Chiesa cattolica", scopre l'espressione "in persona Christi capitis" dopo una conferenza stampa (§ 882- 885). Vi ha poi dedicato diversi paragrafi (11). Preparata da Pio XII (Mystici Corporis, 1943 e Mediator Dei 1947), la formula appare nel decreto del Concilio Vaticano II Presbyterorum Ordinis. Da cinquant'anni è un luogo comune nell'ecclesiologia. Essa è intesa non come una proiezione psico-personale sul Cristo escatologico, ma secondo l'alleanza sacramentale che conferisce al ministro ordinato (vescovo, sacerdote), come un servizio, il compito di rappresentare la persona di Cristo come inviato dal Padre e capo della Chiesa... alla quale destina tutti i suoi doni: Corpo di Cristo.

Allo stesso modo, nel paragrafo 1231, la menzione del "potere di ordine e di giurisdizione" che permette al Concilio di "concentrare le responsabilità sulla persona del vescovo" denota un'ecclesiologia insufficiente. I lavori recenti non permettono più il mantenimento unilaterale di questa distinzione, che era stata amplificata dal gesuita Lainez al Concilio di Trento.

Infine, si parla (§ 1233) della "prassi pastorale" secondo la quale nella Chiesa "il principio gerarchico" resterebbe primario. La raccomandazione (R34) individua "tensioni interne": "tra comunione e gerarchia, tra successione apostolica e sinodalità, e soprattutto tra l'affermazione dell'autorità dei pastori e la realtà delle pratiche di campo, che sono sempre più influenzate dal funzionamento democratico". È difficile vedere quale approccio pratico possa essere suggerito da questo elenco eterogeneo.

La commissione riconosce che "non c'è chiaramente un nesso causale tra il celibato e l'abuso sessuale" (§ 894). Tuttavia, la Raccomandazione 4 tratta del celibato dei sacerdoti e invita "a identificare le esigenze etiche del celibato consacrato per quanto riguarda, in particolare, la rappresentazione del sacerdote e il rischio di conferirgli una posizione eroica o dominante". Inoltre, questa raccomandazione non rientra nelle competenze della commissione (12).

In questa frase si amalgamano due proposte distinte: da una parte una riflessione (in realtà iniziata da tempo) sulle esigenze etiche del celibato consacrato, e dall'altra (impacciata da "in particolare riguardo a") una critica alla "rappresentazione del prete" e a un "rischio che consisterebbe nell'ecc". Questa tecnica di amalgama è ricorrente nel Rapporto, che, dopo una proposta tutto sommato abbastanza banale, introduce una critica infondata, che riflette soprattutto un pregiudizio permanente dei redattori a svalutare la prima parte della proposta.

In R4, i redattori usano un articolo di stampa per citare il punto 129, a, 2 dell'Instrumentum laboris del Sinodo sull'Amazzonia (13), omettendo di segnalare che l'unico documento ufficiale del Sinodo, l'Esortazione Apostolica Querida Amazonia, non include questo suggerimento.

Esegesi


Nell'esegesi, il rapporto menziona solo "i Vangeli" (7 occorrenze). Sembra ignorare gli altri testi canonici del Nuovo Testamento (sorprendentemente le epistole di Paolo e Pietro, che sono particolarmente ricche di indicazioni ecclesiologiche (14)). Egli menziona l'Antico Testamento solo in modo derisorio (§ 947). Questa esegesi debole trae dai "Vangeli" una "fonte di ispirazione" (R3), "l'esempio di una parola come dinamica" (R7). La fonte indispensabile di ogni catechesi, che è la Sacra Scrittura, non viene presa in considerazione. Raccomandare di "aiutare a leggere la Bibbia in modo critico e spirituale a tutti i livelli di formazione" è sia banale che pretenzioso (e quindi senza senso).


Teologia morale

La teologia morale è oggetto di raccomandazioni che rivelano un'ignoranza degli attuali sviluppi della disciplina. In primo luogo, parlando del "paradossale eccesso di fissazione della morale cattolica sulle questioni sessuali", R11 attesta un pregiudizio che fatica a rendere oggettivo l'approccio alla morale cattolica. Inoltre, il sospetto più volte espresso sulla "scelta di racchiudere tutta la sessualità umana nel solo sesto comandamento del Decalogo" (15) è un approccio estraneo all'antropologia cristiana (16): il Catechismo della Chiesa Cattolica condanna "la corruzione dei giovani" (§ 2353) così come "lo stupro commesso dagli educatori contro i bambini loro affidati" (§ 2356). Soprattutto, il paragrafo 2389 condanna espressamente "l'abuso sessuale da parte di adulti di bambini o adolescenti sotto la loro custodia". La cattiva condotta è poi abbinata a uno scandaloso attacco all'integrità fisica e morale dei giovani, che rimarranno segnati per il resto della loro vita, e a una violazione della responsabilità educativa". Ci sarebbe piaciuto leggere questo testo nella relazione.

È la natura umana, in tutta la sua ricchezza di grazia e libero arbitrio, che è interessata qui, e quella delle vittime in primo luogo. Infatti, tutta la tradizione della Chiesa afferma che mentre l'assoluzione rimuove il peccato, non rimedia ai disturbi che il peccato ha causato. Rinnovata dal decreto del Concilio Vaticano II sulla formazione dei sacerdoti, Optatam totius (§ 16), la teologia morale riconosce una morale naturale, ma rimane convinta che la morale cristiana dica "la verità dell'uomo". Insomma, tiene conto sia del peccato delle origini che della tensione escatologica. Infine, la filosofia contemporanea (Michel Henry, Emmanuel Levinas) ha relativizzato il confuso contributo delle scienze umane.

È deplorevole che un testo che ha utilizzato così tante risorse umane e finanziarie e acquisito un pubblico così vasto possa, alla luce di una breve analisi critica - e probabilmente senza specialisti - rivelare un'ecclesiologia imperfetta, un'esegesi debole e una teologia morale superata.


A livello filosofico

A livello filosofico, non si può che meravigliarsi di un'analisi della situazione ecclesiastica e poi di un elenco di raccomandazioni etiche e giuridiche che trascurano sistematicamente le porosità sociologiche, intellettuali e psicosociali del fenomeno denunciato. È noto che durante gli anni '50 e '70, in diversi ambienti intellettuali e in alcuni centri di formazione per insegnanti in Francia e in Europa, la pedofilia è stata considerata un elemento ad hoc delle teorie psicoanalitiche e filosofiche della liberazione sessuale. Avevano lo scopo di sostenere la liberazione dall'autorità dei genitori e dal potere patriarcale. Un fatto particolarmente significativo: a metà degli anni 70, Jean-Paul Sartre e Simone de Beauvoir, Roland Barthes, Gilles Deleuze e Michel Foucault, insieme ad altri intellettuali e note figure mediche e politiche, hanno firmato una petizione di alto profilo che giustificava le pratiche pedofiliche a margine del processo a tre imputati: "Riteniamo che ci sia una sproporzione manifesta, da un lato, tra la qualifica di 'crimine' che giustifica tale severità, e la natura dei fatti rimproverati; dall'altro, tra il carattere antiquato della legge e la realtà quotidiana di una società che tende a riconoscere nei bambini e negli adolescenti l'esistenza di una vita sessuale". (Le Monde, 26 gennaio 1977, Libération, 27 gennaio 1977). Tre mesi dopo, un'altra petizione, sostenuta anche da Françoise Dolto, Louis Althusser e Philippe Sollers, chiedeva esplicitamente la depenalizzazione della pedofilia in vista "dell'evoluzione della società" (Lettre ouverte à la Commission de révision du Code pénal pour la révision de certains textes régissant les rapports entre adultes et mineurs. Le Monde, 23 maggio 1977). La pedofilia non solo dovrebbe sfuggire alla condanna legale, ma dovrebbe, pena il conservatorismo morale, essere incoraggiata.

Anche se i "rimpianti" personali possono essere stati espressi qua e là negli anni 2000, non è eticamente accettabile separare questo tipo di dichiarazioni, fatte nel tempo da firme influenti, dai drammi psicosociali generati in luoghi con un gran numero di bambini: scuole, centri di vacanze, associazioni sportive, cori, circoli di moda e d'arte, famiglie, gruppi religiosi di varie fedi. Ciò che è oggettivamente intollerabile qui e oggi non lo era meno lì e ieri.

L'evidenza degli effetti massicci di questa ideologia, prevalente a partire dagli anni '50-'60 e sempre più diffusa fino a poco tempo fa, deve essere un fattore fondamentale e non incidentale nella valutazione di un fenomeno ingiustificabile e mortale. Non cancella il pesante coefficiente di coinvolgimento morale dei suoi dirigenti. La Chiesa cattolica vive in un corpo sociale dai confini inevitabilmente permeabili. La misurazione della responsabilità di alcuni dei suoi membri deve tener conto di un contesto sociologico, psicologico, filosofico e teologico. Questo principio di analisi non diminuisce in nessun modo l'orrore dei crimini commessi, né li relativizza, ma permette di valutarli meglio.


La dimensione legale e finanziaria

La presentazione del diritto positivo da parte del rapporto ICASE è sorprendente, in particolare per quanto riguarda la responsabilità civile (17).

L'impossibile responsabilità civile "istituzionale" di tutta la Chiesa.

L'attuazione della responsabilità civile per garantire il risarcimento delle vittime di violenza sessuale nella Chiesa si scontra con un ostacolo, forse sconcertante a prima vista, ma comunque difficile da superare. È che la Chiesa non è una persona giuridica. La responsabilità implica una persona responsabile, alla quale il danno può essere imputato a causa della sua condotta e che è in grado di assumere il debito di riparazione. Inoltre, se la Chiesa non è una persona, ciò significa anche che non può essere dotata di un patrimonio. Nel diritto francese, i ministri del culto, i congregati, i fedeli, le associazioni diocesane, le congregazioni, eventualmente le associazioni secondo la legge del 1901, e anche le fondazioni e le società civili possono servire da supporto all'attività ecclesiale. Ognuna di queste persone, fisiche o giuridiche, ha ovviamente il proprio patrimonio. Ma non si vede dove si possa trovare un patrimonio che sia quello della Chiesa di Francia (18), che possa rispondere di questo. Di conseguenza, parlare di una responsabilità istituzionale della Chiesa può avere senso da un punto di vista morale o spirituale, ma da un punto di vista giuridico no.

Per aggirare questa difficoltà, il rapporto ICASE suggerisce di riconoscere una responsabilità collettiva che graverebbe su tutte le persone giuridiche e fisiche che costituiscono la Chiesa in Francia o che esercitano funzioni di autorità al suo interno. Tuttavia, la formula lascia perplessi a causa della sua indeterminatezza. Infatti, il concetto di responsabilità non è lo stesso di quello di solidarietà. Se presuppone una persona che la assume, non è solo per una ragione di tecnica giuridica o di vocabolario, è perché la responsabilità non può, senza perdere il suo significato, essere anonima e diluita in un insieme più o meno vasto e completamente indifferenziato. Perché dire che tutti sono responsabili di tutto è in realtà dire che nessuno è veramente responsabile di niente.

In realtà, questo meccanismo di responsabilità collettiva si basa sull'idea che il disastro sia causato da una serie di malfunzionamenti, rivelando un fallimento "sistemico". Ma anche in questo caso, la dichiarazione solleva dei dubbi. Come può essere giusto far sopportare le colpe di alcuni ad altri che non hanno contribuito in alcun modo al disastro? Questo è evidenziato dalle osservazioni di Suor Véronique Margron, presidente della CORREF (Conférence des Religieux et Religieuses en France), che si chiede perché le congregazioni femminili debbano pagare per atti commessi più spesso da uomini, e di cui queste donne possono essere state esse stesse vittime (19). È quindi necessario riflettere su un principio di attribuzione dei danni meno sommario, che resti fedele alle responsabilità concrete e non crei nuove ingiustizie.


Responsabilità personali


a/ La responsabilità degli autori

Sia nel diritto civile che in quello penale, è ovviamente prima di tutto responsabilità di coloro che sono personalmente colpevoli di violenza sessuale sopportare le conseguenze. Non ci sono particolari difficoltà giuridiche qui, fatte salve due osservazioni.

Il primo riguarda il numero di persone interessate. Come notato sopra, cifre molto alte, fino a 330.000 vittime, sono state riportate dalla stampa dopo la pubblicazione del rapporto ICASE. Tuttavia, nelle parole del rapporto stesso, queste cifre non si riferiscono alle vittime conosciute ma a una "stima", che si basa a sua volta su indagini ed estrapolazioni da queste indagini. È chiaro che, qualunque sia il meccanismo, il risarcimento dei danni non può essere basato su stime. Implica che le vittime siano conosciute e riconosciute come tali, che anche loro si presentino come persone che possono essere nominate e identificate. Come notato, altre cifre sono state proposte dal gruppo di lavoro EPHE e in seguito all'invito a presentare prove lanciato da ICASE. Inoltre, altri si sono fatti avanti dopo la pubblicazione di questo rapporto e probabilmente continueranno a farlo nei prossimi mesi. Non abbiamo quindi una cifra affidabile. Non è quindi possibile fermarsi alla cifra di 330.000 "domande" come si sente a volte in onda.

La seconda osservazione, che deriva direttamente dalla precedente, riguarda il fatto che le colpe commesse devono essere stabilite con precisione e sufficiente certezza. Questa condizione non è ovvia, soprattutto quando gli atti sono di vecchia data, eventualmente prescritti, o ancora di più quando gli autori sono già morti. Nonostante queste difficoltà, non sembra possibile basarsi solo sulle dichiarazioni delle vittime. Possiamo solo essere d'accordo con l'insistenza del rapporto che, affinché il riconoscimento sia efficace, gli atti illeciti devono essere nominati esattamente e localizzati nello spazio e nel tempo. La riparazione fallirebbe se non fosse basata su fatti provati. Non bisogna dimenticare che la presunzione di innocenza a cui hanno diritto tutti gli accusati, così come i diritti della difesa e il principio del contraddittorio, devono essere garantiti.

b/ La responsabilità dei superiori gerarchici, delle associazioni diocesane e delle congregazioni

Oltre alla responsabilità personale dei diretti autori di queste aggressioni, il rapporto ICASE considera anche la responsabilità dei loro superiori gerarchici. Tuttavia, la difficoltà non è la stessa a seconda che si pensi agli istituti religiosi e alle società di vita apostolica, più spesso riconosciuti come congregazioni dal diritto francese, o alle diocesi.

La responsabilità del vescovo

La responsabilità del vescovo è considerata nel rapporto sia come diritto, sulla base della responsabilità vicaria, o a causa di una colpa personale che egli stesso può aver commesso.

Per quanto riguarda la responsabilità vicaria, i relatori sostengono che è "molto probabile che la Chiesa possa essere ritenuta responsabile della responsabilità vicaria sulla base della responsabilità dei committenti per i loro servi" (20). (20) Tuttavia, questa proposta sembra abbastanza avventurosa, e questo da un doppio punto di vista.

Da un lato, la responsabilità del committente può essere impegnata solo sulla base di un legame prepositivo provato tra lui e l'autore del danno. Un sacerdote diocesano può essere ritenuto agente del suo vescovo? Contrariamente a quanto si afferma (21), è inesatto dire che nessuna giurisprudenza sia arrivata a dirimere questa difficoltà. È vero che non c'è molta giurisprudenza, dato che la questione non è frequente. Ma è molto chiaro ed è costante: il prete non è il committente del suo vescovo (22). (22) Infatti, il mandante è colui che affida un compito al suo servo (in senso letterale: che impegna il servo ad un certo compito) fissandogli un obiettivo da raggiungere ma anche i mezzi per raggiungerlo, in modo che mantenga il controllo sull'attività che ha delegato. Si insegna infatti costantemente che l'indipendenza di un professionista nell'esercizio della sua missione è incompatibile con l'esistenza del legame prepositivo (23). (23) Ecco perché, per esempio, le libere professioni non possono, con alcune eccezioni, essere poste in un rapporto di preposizione, così come un agente non è il servo del suo principale o un appaltatore il servo del cliente: sono liberi di organizzare il loro lavoro come vogliono. Analogamente, il vescovo che affida una parrocchia a un parroco non decide con quali mezzi si svolgerà questa missione pastorale; non conserva il controllo sull'attività del sacerdote posto sotto la sua autorità.

D'altra parte, se l'esistenza di un tale legame fosse accettata, porterebbe solo alla responsabilità del vescovo, che è anche una persona fisica che risponde con il suo patrimonio personale. Ma non vediamo come questo "cambierebbe sostanzialmente la situazione riguardo al riconoscimento della responsabilità istituzionale" (24) e come potrebbe portare a una "responsabilità civile della Chiesa per gli atti di altri" (25), che è stato detto non avere alcun significato giuridico.

D'altra parte, non c'è dubbio che la responsabilità personale civile o penale di un vescovo potrebbe essere ammessa in conseguenza di una colpa che egli stesso ha commesso nell'esercizio della sua autorità nei confronti del sacerdote colpevole di abusi. Per esempio, in caso di mancata denuncia di un crimine o di un delitto contro un minore (art. 434-1 e 434-3 del Codice penale), egli incorrerebbe nella responsabilità penale. Ma ancora una volta, questa responsabilità presuppone che le colpe siano chiaramente identificate e dimostrate. Non si può semplicemente dedurre, dal fatto che si sono verificati degli abusi, che la colpa del vescovo sia così stabilita sulla base di un presunto dovere di vigilanza, il cui contenuto appare abbastanza evanescente, a meno che non si distorca completamente il concetto stesso di responsabilità per atti personali.


Responsabilità delle associazioni diocesane

Le associazioni diocesane non possono in nessun caso essere ritenute responsabili degli atti commessi dai sacerdoti nell'esercizio del loro ministero. Infatti, il loro scopo statutario è limitato al finanziamento dell'esercizio del culto, ed è vietato loro di interferire nel rapporto tra il vescovo e i suoi sacerdoti (26).

La responsabilità civile delle congregazioni.

La questione si pone diversamente nel contesto delle congregazioni. In primo luogo, come già detto, perché sono dotati di personalità giuridica. In secondo luogo, perché assegnano missioni specifiche ai loro membri e controllano più da vicino la loro attività. L'esistenza di un legame prepositivo potrebbe quindi essere accettata più facilmente ogni volta che un membro della congregazione ha agito nell'ambito di un'opera della congregazione e nel suo interesse. Questo sembra essere il caso in una decisione del Tribunal de Grande Instance de Meaux del 7 giugno 2016. Tuttavia, tutto dipende dalle circostanze e sarebbe avventuroso trarre il principio di una responsabilità generale delle congregazioni per gli atti commessi dai loro membri.

c/ La responsabilità del confessore

Il sacerdote è tenuto al segreto professionale, la cui violazione è sanzionata dall'articolo 226- 13 del Codice Penale. Mentre questo Codice prevede l'obbligo di denunciare qualsiasi reato i cui effetti possono ancora essere prevenuti o limitati o i cui autori sono suscettibili di recidiva (art. 434-1) così come i maltrattamenti o gli abusi sessuali inflitti a un minore o a una persona vulnerabile (art. 434-3), questi due articoli forniscono una precisazione per quanto riguarda una persona vincolata dal segreto professionale: questa persona ha la possibilità di denunciare i fatti in questione ma non è tenuta a farlo. Si è così accettato fino ad oggi che un sacerdote che viene a conoscenza in confessione di fatti che costituiscono crimini o delitti contro i minori può denunciarli e disattendere il suo obbligo di rispettare il segreto professionale senza timore di sanzioni penali, ma che non rischia alcuna sanzione se non lo fa. Tuttavia, il rapporto dell'ICASE afferma esattamente il contrario, e il suo presidente, interrogato all'Assemblea Nazionale, ha dichiarato: "L'obbligo di denuncia, ai nostri occhi, è certo". Una tale distanza tra il diritto positivo e le nuove analisi di ICASE è sorprendente.


La questione della responsabilità per atti caduti in prescrizione

Tutto ciò che è stato appena detto sulla responsabilità penale e civile presuppone che gli atti illeciti non siano caduti in prescrizione. In materia penale, la prescrizione dei crimini e dei misfatti estingue l'azione pubblica. Nel caso di aggressioni a minori di 15 anni, la prescrizione è di 20 anni dalla maggiore età della vittima, e di 30 anni in caso di stupro. In materia civile, la prescrizione estingue analogamente l'azione di risarcimento. Per i danni derivanti da aggressioni sessuali e violenze su minori, il termine è di venti anni (art. 2226 Codice Civile, comma 2), a partire dal consolidamento del danno. Di conseguenza, una volta raggiunti questi limiti di tempo, la vittima non ha più alcuna azione legale contro i responsabili e, di conseguenza, questi non è più legalmente obbligato a pagare il risarcimento. Questo perché il passare del tempo rende molto difficile, se non impossibile, fornire prove di ciò che è realmente accaduto.

a/ Un obbligo naturale?

Il rapporto ICASE prevede di riconoscere la responsabilità della Chiesa "per tutto il periodo analizzato" (27), senza tener conto dell'eventuale prescrizione dei fatti più vecchi. Per spiegare la sua posizione, il suo presidente ha fatto riferimento al concetto di "obbligo naturale". Secondo lui, "l'obbligo naturale che vale nella Chiesa" corrisponde "all'obbligo di solidarietà nel linguaggio della Repubblica" (28).

Una tale analisi è piuttosto sconcertante. Da un lato, perché il concetto di obbligo naturale, se corrisponde all'idea che il dovere morale va oltre l'obbligo giuridico, non ha niente a che vedere con l'idea di solidarietà. D'altra parte, perché l'obbligo naturale non dispensa dalla necessità di verificare che le condizioni per incorrere nella responsabilità siano effettivamente soddisfatte. Questo implica accertare la realtà dei fatti, e non accontentarsi della loro semplice plausibilità o probabilità. Inoltre, in ogni caso, l'esecuzione di un'obbligazione naturale dipende solo dalla volontà della persona che riconosce di essere debitrice.

In realtà, nel caso di atti caduti in prescrizione, l'azione a favore delle vittime è possibile solo se si basa su una logica di solidarietà, al fine di riconoscere la sofferenza che hanno vissuto nella loro carne. Non è una questione di responsabilità civile, e quindi non di danni. Parlare di "risarcimento" (29), "riparazione" (30), "responsabilità", anche se questo termine è seguito da aggettivi diversi da "civile" ("sociale" (31), "civico" (32)), mantiene solo un'ambiguità che è fonte di confusione, e potrebbe portare alla delusione delle vittime.


b/ Il finanziamento della solidarietà

Resta da vedere come finanziare queste azioni di solidarietà verso le vittime. Secondo il rapporto, questo finanziamento sarebbe fornito dal "patrimonio della Chiesa di Francia" (33). Ma abbiamo già detto cosa dobbiamo pensare della "Chiesa di Francia" e del suo "patrimonio". Legalmente, le associazioni diocesane non possono pagare soldi alle vittime, perché questo sarebbe contrario al loro scopo. Lo stesso vale per l'Unione delle Associazioni Diocesane di Francia. Da qui la creazione di un fondo di dotazione dedicato.


Come assicurare la realtà dei fatti e la loro imputabilità a un chierico?


a/ Quando i colpevoli sono morti

In caso di morte degli autori, l'ICASE prevede un "processo di chiarificazione" (34). In seguito a questa raccomandazione, l'Assemblea Plenaria del CEF ha adottato la creazione di un' Autorità Nazionale indipendente per il Riconoscimento e la Riparazione (INIRR) senza specificare le sue modalità di funzionamento o le regole per determinare le somme che possono essere assegnate alle vittime.

Nel caso di vecchi atti commessi da persone decedute, come sarà possibile valutare la loro realtà? Quando un tribunale statale o canonico prende una decisione, si basa sulle prove che gli vengono presentate; la sola testimonianza di una vittima non è sufficiente. Tuttavia, nel caso di fatti molto vecchi, il presidente dell'ICASE ha sostenuto davanti alla Commissione della Legge dell'Assemblea Nazionale il 20 ottobre 2020 che un'intervista con la vittima sarebbe sufficiente. Secondo lui, "sappiamo che anche senza un contraddittorio giurisdizionale, un'udienza prolungata permette, con un margine di errore molto piccolo, di sapere se la violenza sessuale raccontata è plausibile o se si è di fronte a un racconto ricostruito" (35).

La signora Derain de Vaucresson, presidente dell'INIRR, prevede di attenersi alla "plausibilità dei fatti valutati sulla base dei racconti delle persone" e di basarsi sulle "testimonianze già ricevute dall'ICASE" (36). Giustifica l'uso di questa nozione di plausibilità con un'analogia con "ciò che si fa per le vittime di violenza domestica". Questa analogia è avventurosa. Se, infatti, l'articolo 515-11 del codice civile è soddisfatto da fatti "plausibili", è solo per emettere un ordine di protezione, la cui durata non può superare i sei mesi, e non pregiudica l'eventuale decisione che sarà resa successivamente da un tribunale penale.


b/ Quando i colpevoli sono vivi

Finché i colpevoli sono vivi e i termini di prescrizione non sono scaduti, le vittime devono essere deferite ai tribunali dello Stato, come previsto dall'articolo 19 del Motu Proprio Vos Estis Lux Mundi (9 maggio 2019).

Quando i colpevoli sono vivi e i termini di prescrizione sono scaduti, il ricorso all'INIRR sembra insufficiente per stabilire la realtà dei fatti. È preferibile, poiché nel diritto canonico il Papa può sempre revocare la prescrizione, farlo in vista di una procedura penale canonica.

Inoltre, una decisione dell'INIRR riguardante una persona ancora in vita, basata unicamente sulla dichiarazione di una persona che afferma di essere una vittima, violerebbe il principio della presunzione di innocenza, poiché la persona che ha commesso gli atti sarebbe presunta colpevole, senza potersi difendere. Inoltre, la sua pubblicazione potrebbe portare a condanne penali per diffamazione (L. 29 luglio 1881, art. 32).


Sulla possibilità di un intervento legislativo se il CEF e il CORREF non hanno seguito le conclusioni del rapporto ICASE

Il rapporto ICASE afferma che "l'istituzione ecclesiale deve prendere coscienza di questa situazione giuridica. Deve anche rendersi conto che, in ogni caso, è possibile, anzi probabile, che il legislatore intervenga per trarre le conseguenze del dramma della violenza sessuale commessa nella società nel suo insieme, al fine di mettere in atto meccanismi di risarcimento, in particolare per le istituzioni e le comunità in cui si è verificato il danno" (37).

Il presidente della Commissione ha parlato di nuovo di intervento parlamentare durante la sua audizione all'Assemblea nazionale il 20 ottobre 2021. Ma è difficile capire come il legislatore possa stabilire la responsabilità per atti molto vecchi che sono caduti in prescrizione o commessi da persone che sono morte nel frattempo. Il principio di irretroattività impedisce l'intervento retroattivo di una tale legge, che sarebbe contrario alla Costituzione e alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo.

Conclusione: effetti incontrollabili

Il rapporto ICASE è nato da un approccio coraggioso e giustificato. Era necessario e molte delle questioni che solleva devono essere affrontate con lucidità. Alcuni di essi sono già stati affrontati da diversi anni, ed è deplorevole che la Commissione, attraverso una discutibile periodizzazione della sua analisi, abbia sottovalutato il lavoro di sradicamento di questi flagelli intrapreso dalla Chiesa cattolica a tutti i suoi livelli.

Ma i difetti più gravi del rapporto ICASE, a parte una metodologia imperfetta e contraddittoria e gravi carenze in campo teologico, filosofico e giuridico, riguardano le sue raccomandazioni, che sono discutibili fin dalle loro premesse.

Le raccomandazioni di una Commissione senza autorità ecclesiale o civile possono essere solo indicative per guidare l'azione della Chiesa e dei suoi fedeli. Alcuni di essi potrebbero rivelarsi rovinosi per la Chiesa. Portano i semi di una moltiplicazione delle procedure avviate da false vittime, a scapito di coloro che sono stati realmente vittime di predatori. Altre raccomandazioni chiamano in causa la natura spirituale e sacra della Chiesa, che non è una semplice associazione laica temporale, il suo clero e i suoi sacramenti.

Ora che il lavoro della Commissione è terminato, e il lavoro di valutazione del suo rapporto è appena iniziato, spetta solo alla Chiesa cattolica, nella sua sinodalità, intraprendere liberamente e nello spirito delle azioni lanciate venti anni fa, le riforme necessarie per recuperare il suo onore e la sua legittimità.

Gli autori di questo commento al Rapporto ICASE intendono essere solidali con le vittime degli abusi di cui sono stati vittime nella loro infanzia. Questo rapporto fornisce un resoconto, con le loro stesse parole, delle conseguenze che questi atti hanno avuto su tutta la loro vita. Gli orrori che hanno vissuto non devono essere dimenticati. Ricordarsi di loro è il dovere comune dei battezzati, non solo verso di loro, ma anche verso la Verità. Perché la verità libera.

È per questa ragione che non hanno voluto nascondere le carenze di certe parti del rapporto ICASE, le sue debolezze metodologiche, le sue analisi a volte pericolose. Solo in un processo di verità e di umiltà sarà possibile costruire un futuro in una Chiesa più attenta ad ogni persona e alle sue sofferenze, una Chiesa che potrà allora essere accolta da tutti, anche oltre i cattolici, come "esperta in umanità" secondo l'espressione di Papa Paolo VI (Discorso all'ONU, 4 ottobre 1965). Con l'obbligo di essere sempre dalla parte della giustizia.

Père Jean-Robert ARMOGATHE, Directeur d'études émérite à l'EPHE, Membre de l'Institut
Père Philippe CAPELLE-DUMONT, Professeur de théologie Université de Strasbourg 
Jean-Luc CHARTIER, avocat à la Cour
Jean-Dominique DURAND, Professeur émérite à l'Université Lyon III,
Yvonne FLOUR, Professeur émérite à l'Université Paris I
Pierre MANENT, Directeur de recherche émérite à l'EHESS
Hugues PORTELLI, Professeur émérite à l'Université Paris II, avocat à la Cour 
Emmanuel TAWIL, Maître de conférences à l'Université Paris II, avocat à la Cour


(1) Questo testo, approvato all'unanimità dai suoi autori, non è una dichiarazione dell'Académie catholique de France ed è di esclusiva responsabilità dei suoi autori.

(2) Rapporto CIASE n°144 p. 85; Allegato n°16.

(3) Rapporto CIASE n°28, p. 125.

(4) Il team di ricercatori dell'EPHE riconosce che "questo tipo di calcolo (...) sembra un po' casuale" (Rapporto CIASE Allegato n°28, p. 129).

(5) Relazione informativa del Senato: Sondaggi e democrazia, Per una legislazione più rispettosa della sincerità del dibattito politico Hugues Portelli e Jean-Pierre Sueur, Commissione delle leggi mai 2009.

(6) Per esempio, avvertendo l'intervistato all'inizio che il questionario "mira a identificare meglio la portata degli abusi sessuali nel nostro paese".

(7) La terminologia della Commissione oscilla tra "raccomandazioni" (9 volte, anche nel paragrafo 979: sintesi delle raccomandazioni), "proposte" (5 volte) e "raccomandazioni" (39 volte). Una cronologia dettagliata mostra il passaggio da "raccomandazioni" (inizio 2020) a "raccomandazioni" (settembre 2021). Il Trésor de la langue française definisce préconiser come "raccomandare qualcosa con forza e insistenza (a qualcuno)".

(8) Chiamato dal Presidente della Commissione "ad una riflessione teologica ed ecclesiologica, in particolare sulla teologia morale, la teologia dei ministeri, il governo della Chiesa e la cultura clericale" (lettera di missione del 28 febbraio 2020).

(9) Comprendeva 8 membri: avvocati, un sociologo, un antropologo, un teologo protestante.

(10) Definizione dell'espressione, Trésor de la langue française. Ci sono quindici occorrenze nel rapporto, di cui sette nelle 45 raccomandazioni.

(11) ...

(12) È il risultato di un dispositivo di coordinamento: "D'altra parte, per quanto riguarda il campo d'indagine della commissione, la questione primaria è quella delle esigenze etiche del celibato. Notiamo 55 occorrenze dell'espressione "con riguardo a" (di cui 6 nelle raccomandazioni): un'espressione ambigua, che può significare: a) secondo il punto di vista, il giudizio di; b) in relazione a, se ci si riferisce a; c) in confronto a (Trésor de la langue française), da cui lo strano "con riguardo a Dio" (§ 917).

(13) "Ci si chiede se, per le zone più remote della regione, non sia possibile procedere all'ordinazione al sacerdozio di anziani, preferibilmente indigeni, rispettati e accettati dalla loro comunità, anche se hanno una famiglia costituita e stabile...".

(14) Chiaramente ignorato nella nota 284.

(15) Rapporto ICASE recomm.10, 211, § 821...: circa 40 riferimenti.

(16) Da qui la citazione del § 937: "Nella teologia morale fondamentale, l'attenzione si è concentrata sulla 'materia' dell'atto morale, a preferenza della valutazione della responsabilità verso gli altri, il che ha permesso di minimizzare la gravità dello stupro, rispetto agli atti cosiddetti 'innaturali' (masturbazione, contraccezione, omosessualità)".

(17) L'ICASE ha pubblicato sul suo sito web due consultazioni sull'argomento da parte dei professori Laurent Aynès e Murielle Fabre-Magnan che, sebbene allegate al rapporto, sono separate da esso in termini di contenuto.

(18) Parlare della Chiesa di Francia non ha senso nemmeno dal punto di vista ecclesiologico, poiché la Chiesa è per natura universale. L'unica formulazione corretta è quella della Chiesa in Francia.

(19) V. X. Le Normand, Rapporto ICASE: la difficile questione del risarcimento finanziario delle vittime La Croix, 29 ottobre 2021.

(20) Rapporto ICASE n. 1110.

(21) Ibidem, n° 1118.

(22) Civ. 2ème 6 giugno 1958, D. 1958.695, RTDCiv 1959.95, nota H. Mazeaud; nello stesso senso Civ. 2ème 6 febbraio 2003, n° 00-20780. Vedi anche Trib. Civ. Beauvais, 21 nov. 1929, S. 1930.94; Trib. Civ. Fontainebleau, 18 marzo 1953, D. 1953.343; Aix 18 aprile 1956, JCP 1956.IV.504.

(23) In particolare: Droit des contrats et de la responsabilité civile, dir. Ph Le Tourneau, Dalloz, coll. Dalloz Action, 12° ed. 2021-22, n° 223561; J. Julien, Rép civ. Dalloz, V° Responsabilité du fait d'autrui, n°125. Sul fatto che il legame preposizionale implica che il mandante abbia conservato il controllo dell'attività dell'agente, si veda anche F Chabas, nota in D.

(24) Rapporto CIASE, n°1110.

(25) Ibidem.

(26) E. Tawil, Cultes et congrégations, Dalloz, 2019, n°9.43.

(27) Rapporto CIASE, recom. 23.

(28) https://www.assemblee-nationale.fr/dyn/15/comptes-rendus/cion_lois/l15cion_lois2122009_compte- rendu.pdf, p. 19

(29) Relazione dell'ICASE, raccomandazione. 33.

(30) Rapporto dell'ICASE, recom. 32.

(31) Il rapporto ICASE recom. 23.

(32) Il rapporto ICASE recom. 25.

(33) Rapporto ICASE Recom 33.

(34) Relazione dell'ICASE, raccomandazione. 31.

(35) https://www.assemblee-nationale.fr/dyn/15/comptes-rendus/cion_lois/l15cion_lois2122009_compte- rendu.pdf, p. 6.

(36) Intervista con la signora Céline Hoyeau, La Croix, 9 novembre 2021.

(37) Rapporto ICASE, n°1126.